Cari amici vi devo purtroppo informare che, dopo tre anni di felice pensionamento, ci ha lasciati la nostra Margherita. Tutti noi la ringraziamo per il lavoro di oltre vent’anni e la ricorderemo sempre con grande affetto. Alcuni di noi hanno scritto i loro pensieri…

E’ arrivato il momento che non avrei voluto arrivasse mai, che temevo e a cui non ero ancora pronta ( forse non lo sarei mai stata…): Margherita te ne sei andata per sempre ….. È finita la storia in terra di questa cavalla bionda di cui ero innamorata e che sapeva amare …..

Sapeva donare il suo cuore …..sì lei, quell’orsacchiotto dolce in inverno,  quella  bellissima avellinese pomellata in estate!  Marghe tu sapevi tutto di noi  operatori e tutto dei ragazzi che venivano in maneggio e che ti sceglievano sempre, forse per il tuo mantello così particolare, forse per il tuo muso simpatico ed espressivo, o forse perché trasmettevi sicurezza e serenità; conoscevi e riconoscevi la disabilità, aspettando pazientemente e portandoti in groppa i carichi più pesanti, sia fisici e che psicologici: hai accolto e coccolato sempre tutti riuscendo a relazionarti quasi in modo “umano“, donandoti  completamente senza mai tirarti indietro…. Ma non sei stata solo quello ….. la tua “fame proverbiale” ti ha portato a riconoscere   ogni angolo  fiorito del Gese,  soprattutto quel cespuglio di rose che ancora vive nonostante tu lo avessi reso uno stecco senza più rami, o trascinando volontari e tirocinanti , dovunque tu volessi, nell’erba e nei cespugli, aproffittando di un momento di distrazione o dell’inesperienza di molti ! Sei stata la mia compagna di lavoro e di viaggio per vent’anni, mi ha aiutato e compreso, siamo state insieme al funerale di Cesare, che amavi tanto e che ti chiamava “la mia cavallina bionda“! Non è facile raccontare la tua vita, piena di aneddoti e di bellissimi e divertenti momenti ed è ancora più difficile parlare della tua morte! So che sei nel cuore di tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerti ….. ma io sono stata ancora più fortunata: il nostro rapporto è continuato! Nel momento in cui eri più stanca e provata, ho deciso di adottarti e di non separarmi da te mai….. abbiamo appeso la  tua sella al chiodo, salutando l’Aiasport, ed abbiamo conosciuto Giada Polacco ed il suo “paradiso in terra“! Da quel giorno tu sei stata mia ed io tua, sempre insieme abbiamo vissuto anni libere di viverci per come siamo e tu libera di essere quella cavalla speciale che hai sempre mostrato! Una gioia per te poter correre e stare con altri cavalli in un pascolo pieno di leccornie e di pace, una felicità immensa per me guardarti, sentire che eri “mia“, mia nel cuore e nell’anima e sentire che finalmente facevi quello per cui eri nata … ci hai donato la tua vita, tutta te stessa ed ho deciso che avrei dovuto ridarti tutto l’amore che avevi generosamente regalato a me e a tanti altri, proteggendoti e affidandoti alle cure di una persona che ti ha amato da subito! Ti ho rivisto come da anni non eri più…. sei tornata quella di prima se non ancora più scatenata, furba, tenera e accondiscendente. I ricordi  sono tanti e stasera sono più vivi che mai! Mia dolce, generosa, bella  cavallina, mio immenso amore testardo, simpatico e umano….. stanotte te ne sei andata velocemente, senza soffrire, perché non  lo meritavi o, forse, hai deciso che eri stanca e hai posato la testa addormentandoti per sempre, senza dar fastidio, senza farci troppo soffrire ed aspettandomi per un ultimo abbraccio!  Vorrei dirti e dire a tutti quanto grande sei stata….“umana“ ed empatica, riconoscente e dispensatrice di gioia, pace, amore e serenità ….. ora la tua storia continua da un altra parte, correndo in prati sempre più verdi e finalmente con la possibilità di fare quello che più desideri …. ma mi mancherai tantissimo, mancherai a tanti che non ti hanno mai dimenticata! Non sono ancora pronta ma è giusto che tu vada ….. arrivederci piccola grande Megghi…… il vuoto che lasci è ancora così profondo …. 💔 a presto! Angela  Zampa

Margherita era una senatrice, la cavalla che ha contribuito più di tutti a far crescere l’Aiasport Onlus. Era una signora, non si scomponeva mai… neanche quando improvvisamente ferma alla scaletta, si girava e ti mordeva una coscia! Lei mordeva l’istruttore o il povero tirocinante, ma non si negava mai all’utente…. Margherita era la cavalla che ha dato il battesimo della sella a generazioni di istruttori, utenti e figli dell’Aiasport e, probabilmente, quella che si è fatta offrire da bere più di tutti… Lei ti insegnava proprio tutto, anche a cadere!

Margherita era un faro, una luce nel buio educativo più totale; in ogni momento lei una soluzione te la trovava… ma era anche la cavalla che assaggiava i fiori finti in rettangolo gara o faceva manbassa di rose selvatiche mentre portava in passeggiata i nostri cavalieri… quella che mentre era galoppo alla piana del GESE era capace di fare un bel boccone di erba fresca; quella che ti ricordava che il rispetto è la prima regola.

Margherita era la stella che ci illuminava da più tempo, la più splendente; era sempre lì…. Cavalla pensante…. generosa…. salda sugli appiombi e suoi principi…. anche ora  in pensione ci ricordava i piaceri della vita: lei viveva per mangiare!

Questa stella la scorsa notte ha deciso di spegnersi, ha deciso che la via ormai era chiara, e con tutto il suo carattere da vera Signora ha fermato il suo cuore, senza disturbare….. in punta di zoccoli💔Grazie bella bionda, fai buon viaggio.😘 Bruna Morini